Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/22

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


15El gà volesto metter là dentro in quelle porte
    Un numero infinito de Donne d'ogni sorte;
Da una banda ghe stasse le belle illustri Dame,
    Che ghe cavasse ai Cazzi più nobili la fame,
Che ognuna fusse pronta, e facile, e contenta
    20De tior drento quel primo, che'l Cazzo ghe presenta,
Perchè 'l so gusto giera veder ste belle Done,
    Giusto per esser Dame, a far le Buzarone.
Dall'altra l'hà volesto, che in varie forme strane,
    E in varj atteggiamenti, nue stasse le puttane.
25Oh quà mi me figuro cosa doveva far
    Ste Donne, perchè i Omeni gavesse da sborar,
Chi colle gambe larghe puzade a una colona
    Menarse le doveva in publico la Mona;
Chi co una gamba alzada, come che stà la grua,
    30Aspettava, che un Cazzo ghe dasse una fotua

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/22&oldid=64433"