Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


FESTINO DI NERONE


CANZONE


In materia del senso gran cose s'hà sentìo,
    Al dito de Petronio, Neron xe stà un gran fio.
Sentì, se de più grando lù mai podeva far,
    Perchè la so lussuria l'avesse da sfogar.
5Sul lago delizioso d'Agrippa nominà
    Sù d'un vascel d'avorio, e d'oro l'è montà.
I remiganti tutti de quella zente i giera,
    Ch'in le dissolutezze portava la bandiera;
Un superbo banchetto l'hà fatto sul vascello,
    10Che dar no se podeva el più superbo, e bello;
Figureve, che i cibi, e i più preziosi vini
    Vegniva della terra dai ultimi confini.
L'hà fatto pò innalzar dei porteghi sontuosi,
    E quanto tira el lago casini deliziosi;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/21&oldid=60346"