Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/23

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Chi stava là attendendo colla so Mona in mostra
    Chi ghe 'l mettesse dentro, come se và alla giostra,
Chi colle man in terra, come hà pensà Aretin,
    All'uso delle piegore sù lo tiolea a passin;
35I Omeni più forti se le chiappava in brazzo,
    E pò i se le impirava sù, e zoso per el Cazzo,
I Vecchj da qualcuna ai piè se inzenocchiava,
    E co un deo in tel Culo la Mona i ghe licava;
Altri ghe 'l dava in man con belle parolette,
    40Perchè le ghe 'l menasse in mezzo delle Tette,
Altri ghe prometteva de darghe ogni diletto,
    Perchè le ghe tiolesse in bocca l'Oselletto.
Gran cose se vedeva, ghe giera fin de quelli,
    Che 'l so gran gusto giera sborarghe in te i cavelli.
45In mezzo a ste lascivie Neron tutto quel zorno
    Con pompe, e con gran fasto quel liogho hà zirà intorno

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/23&oldid=64436"