Imprecazioni di Nico Calafato

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Imprecazioni di Nico Calafato
1573
←  Biglietto di Nico Calafato alla Perina Edission e fonte ▼
[p. 103 modifica]
IMPRECAZIONI DI NICO CALAFATO


Daspuo che al mio dolor no gh'è ceroto
     Bramo veder in tera ogni rovina,
     3Fogo, fame, giandusse e teremoto;
E in pe' de pan, de carne e de farina
     Che se beva velen, se magna sassi,
     6E se dorma su pagia segalina;
E quei ch'è più mecanichi e più bassi
     Signoriza i più richi e più potenti,
     9E tuta la roba vaga a scazzafassi.
Vorìa solo sentir pianti e lamenti,
     Sospiri, zighi e tribulazion,
     12Ingani, ladronezzi e tradimenti;
E che per ogni buso, ogni canton,
     No ghe fusse che sbrichi, che sassini
     15Che a bel dileto facesse custion;
Vorìa che tuti i Frati scapucini
     Fesse l'amor, e che i inamorai
     18Deventasse in so' pe', tuti chietini;
Vorave che per tuti sti canai,
     Per la Brenta, per l'Adese e per Sil
     21Nuasse lovi e dragoni afamai;

[p. 104 modifica]

Vorìa che la zonchià, l'onto sotil,
     La puina, el formagio e le casuole;
     24(Che xe pur un magnar cussì zentil!)
Deventasse più dure che le tole,
     E quando po le fusse cussì dure
     27Te ne vegnisse vogia d'esse sole;
Vorìa veder cosse anca più scure;
     Che le mugier comportasse ai marii
     30Ch'i se n'andasse da altre creature;
E aciò che tuti po' fusse avalii
     Vorìa che le mugier fusse quintane
     33De' furfanti, de ladri e de falii;
Vorìa veder regine le p...
     E che quanta onestà ga le donzele
     36Fusse tuta al bordelo in Carampane;
Vorìa veder tute le done bele
     Arse e destrute, e per farla compìa
     39Che le brute crepasse po anca ele;
Vorìa che 'l brogio fusse malatìa,
     E in pe' de le carezze e bone ciere
     42La zente se disesse vilanìa;
Vorìa che i serpenti e che le fiere
     Lassasse i boschi, vegnisse in sta tera;
     45E fesse nìo per le nostre litiere;
Vorìa veder madona ogni massera;
     Le madone sguatare in cusina;
     48Po, tute descopae co una manera;

[p. 105 modifica]

Vorìa che ogni ladro de Mocina
     Fusse el Camerlengo del Comun,
     51Perchè le cosse andasse più in rovina;
Vorìa che no ghe fusse l'un fia un
     Aciò no se podesse tegnir conti,
     54E no ghe fusse credito in nissun;
Vorìa che no ghe fusse se no afronti,
     Magnarìe, trufe, intachi, garbinele,
     57Sogie e presonzion, arlassi e zonti;
Vorìa che quel che va per le buele,
     E se purga da basso in cagaor,
     60Se voltasse a la via de le massele;
Vorìa che sta frascheta de sto Amor
     Tresse da seno frezze e veretoni
     63Che ne passasse a tuti quanti el cuor;
Vorìa che i pie in tel cul e i mustazzoni
     Fusse in masor domanda e in masor stima
     66Che no xe le pernise e i pipioni;
Vorìa che la zonchià no avesse cima,
     E chi tagia le carte a la Basseta
     69Sempre vedesse la chiamata prima;
Voràve ch'ogni scrigno e casseleta
     S'avrisse senza chiave con un deo
     72Perchè i miseri avesse pi la streta;
Voràve che chi pesca desse in spreo,
     E che i campi prativi e le coline
     75Deventasse in so' pe' giara e caneo;

[p. 106 modifica]

Vorìa che i puti, e che le fantoline
     Fesse caca per cà, pissasse in leto
     78Tute le sere e tute le matine.
Voràve che i pissoti de careto
     Tegnisse scuola e desse lezion
     81Ai omeni più bravi d'inteleto;
Vorìa che al Magazen e al Bastion
     Se redusesse la civilità,
     84Co' fa prè Bocaleto imbriagon;
E voràve che ogn'omo imbertonà
     Quando ch'el scontra la so' inamorata
     87El ghe fesse una ciera scorozà;
E po' per penitenza che ogni ingrata,
     Da afano e da dolor dei so' pecai,
     90La se pelasse e deventasse mata;
Vorìa che i vechi no gavesse ochiai,
     E quei che no ga denti no catasse
     93Dal pistor se no pani biscotai;
Vorìa a chi à drapi che i se ghe tarmasse;
     E per chi è nui che sempre fusse inverno,
     96Perchè i batesse i denti e che i crepasse;
Voràve che 'l dormire fusse eterno,
     E che nessun no coversisse i ochi
     99Nome che co le pene de l'inferno;
Vorìa che in pe' de carete e de cochi
     Se strassinasse a coa de cavalo
     102Ligai co la so' corda in tei zenochi;

[p. 107 modifica]

Vorìa che su ogni deo nassesse un calo,
     E per pì pena con scarpe impontìe
     105Che convegnisse sempre star in balo.
Che tante baje? Che tante pazzìe?
     Voràve per un'ora comandar
     108E se in quest'ora no fesse le mie
Torìa po' ben de pato, de crepar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Imprecazioni_di_Nico_Calafato&oldid=49626"