Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 1.djvu/106

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Vorìa che i puti, e che le fantoline
     Fesse caca per cà, pissasse in leto
     78Tute le sere e tute le matine.
Voràve che i pissoti de careto
     Tegnisse scuola e desse lezion
     81Ai omeni più bravi d'inteleto;
Vorìa che al Magazen e al Bastion
     Se redusesse la civilità,
     84Co' fa prè Bocaleto imbriagon;
E voràve che ogn'omo imbertonà
     Quando ch'el scontra la so' inamorata
     87El ghe fesse una ciera scorozà;
E po' per penitenza che ogni ingrata,
     Da afano e da dolor dei so' pecai,
     90La se pelasse e deventasse mata;
Vorìa che i vechi no gavesse ochiai,
     E quei che no ga denti no catasse
     93Dal pistor se no pani biscotai;
Vorìa a chi à drapi che i se ghe tarmasse;
     E per chi è nui che sempre fusse inverno,
     96Perchè i batesse i denti e che i crepasse;
Voràve che 'l dormire fusse eterno,
     E che nessun no coversisse i ochi
     99Nome che co le pene de l'inferno;
Vorìa che in pe' de carete e de cochi
     Se strassinasse a coa de cavalo
     102Ligai co la so' corda in tei zenochi;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_1.djvu/106&oldid=64034"