Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 1.djvu/105

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Vorìa che ogni ladro de Mocina
     Fusse el Camerlengo del Comun,
     51Perchè le cosse andasse più in rovina;
Vorìa che no ghe fusse l'un fia un
     Aciò no se podesse tegnir conti,
     54E no ghe fusse credito in nissun;
Vorìa che no ghe fusse se no afronti,
     Magnarìe, trufe, intachi, garbinele,
     57Sogie e presonzion, arlassi e zonti;
Vorìa che quel che va per le buele,
     E se purga da basso in cagaor,
     60Se voltasse a la via de le massele;
Vorìa che sta frascheta de sto Amor
     Tresse da seno frezze e veretoni
     63Che ne passasse a tuti quanti el cuor;
Vorìa che i pie in tel cul e i mustazzoni
     Fusse in masor domanda e in masor stima
     66Che no xe le pernise e i pipioni;
Vorìa che la zonchià no avesse cima,
     E chi tagia le carte a la Basseta
     69Sempre vedesse la chiamata prima;
Voràve ch'ogni scrigno e casseleta
     S'avrisse senza chiave con un deo
     72Perchè i miseri avesse pi la streta;
Voràve che chi pesca desse in spreo,
     E che i campi prativi e le coline
     75Deventasse in so' pe' giara e caneo;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_1.djvu/105&oldid=64033"