Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 1.djvu/103

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IMPRECAZIONI DI NICO CALAFATO


Daspuo che al mio dolor no gh'è ceroto
     Bramo veder in tera ogni rovina,
     3Fogo, fame, giandusse e teremoto;
E in pe' de pan, de carne e de farina
     Che se beva velen, se magna sassi,
     6E se dorma su pagia segalina;
E quei ch'è più mecanichi e più bassi
     Signoriza i più richi e più potenti,
     9E tuta la roba vaga a scazzafassi.
Vorìa solo sentir pianti e lamenti,
     Sospiri, zighi e tribulazion,
     12Ingani, ladronezzi e tradimenti;
E che per ogni buso, ogni canton,
     No ghe fusse che sbrichi, che sassini
     15Che a bel dileto facesse custion;
Vorìa che tuti i Frati scapucini
     Fesse l'amor, e che i inamorai
     18Deventasse in so' pe', tuti chietini;
Vorave che per tuti sti canai,
     Per la Brenta, per l'Adese e per Sil
     21Nuasse lovi e dragoni afamai;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_1.djvu/103&oldid=64031"