Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/175

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


45Per altro in tal maniera ghe da drio
Che 'l quadro in trenta zorni ze finio.

Contento contenton
Al conte Dario ghe lo va a portar,
El qual con atenzion
50Metendose a contar
Le figure, che 'l quadro presentava,
Rimarca sul mumento
Che i Apostoli a tredese arivava;
E qua se vede l'omo de talento,
55Perchè se un rico sà,
Che del Signor a cena
I gera una dozzena,
Vol dir che l'à studià,
Le prove essendo tante,
60Che chi ga bezzi più ze più ignorante,
Salvo a bona rason
Qualche rara ecezion.

Alora rivolgendose a l'artista
El ghe dise — me par, se no à falà,
65Che sia corso una svista;
I Apostoli, che alora ga cenà,
Credo lo savarè,
Gera dodese, e invece
Qua tredese ghe n'è,
70Dunque uno cresce. —

Ma lu più assae imbrogion che no pitor,
Per no dar da supor

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/175&oldid=64202"