Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/174

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Fa esborsi generosi
ln quadri i più famosi
De celebri peneli,
20Tiziani, Tintoreti, Rafaeli,
E trovandose in quele pertinenze
Da poco capità
Un pitor da Firenze,
Che pareva de qualche abilità,
25Ghe ordina la cena che 'l Signor
Coi so Apostoli à fato,
Fissando col pitor
Preciso el pato
De darghe cento scudi e vinti a zonta,
30Purchè in t'un mese l'opera sia pronta.

L'artista, che lo trova un pato d'oro,
Se dedica al lavoro
Co gran assiduità,
Ma sempre frastornà,
35Sempre distrato
Da l'imensa paura,
Che a terminar afato
La pitura
Un mese solamente
40Nol ghe sia suficiente,
E che ghe vaga,
No adempindo in sto termine l'assunto,
A spasso un sesto in punto
De la paga;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/174&oldid=64201"