El Marcà de Bagnoli

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
El Marcà de Bagnoli
1788
Edission e fonte ▼
[p. 119 modifica]
EL MARCÀ DE BAGNOLI.
SCRITO L'ANNO 1788.


     Bagnoli xe un logheto cussì belo,
Cussì ben fato, e pien de simetria,
Che poeta no ghè, no ghè penelo,
Che ve possa mostrar cossa lu sia:
5Nol par minga una vila; ma un castelo,
Una contea, o qualche signoria:
Chi no crede sta roba vegna quà,
Che, come ogn'altro, el resterà incantà.
     Se vedessi che broli, che zardin!
10Che corte, che palazzo, che granari!
Che stupende campagne, che bon vin!
Che regazzote, che musoti rari!
Che famoso specier, che casolin!
Che dotor, che chirurghi, che boari!
15Che aria benedeta! sti Paroni

[p. 120 modifica]

Se ingrassa, co i xe quà, come caponi.
     Ghe gnente de più belo de sta piazza,
E specialmente ancuo, che ghè el marcà?
Gran fruti sta matina! gran carnazza!
20Che stupendo vedelo, che castrà!
Quanto polame fin, quanta robazza
D'ogni color, e d'ogni qualità!
Altro che Sinigagia, pofardia!
Lassemo pur che sto marcà s'invia
     25Vederè, vederè! ma quà ghe voi
Un omo che presieda a sta facenda,
Un omo svelto, e bravo come el sol,
E che de foro molto se ne intenda;
De quei, che tuto sa, che tuto pol,
30Chè più che'l pano è fin, più ben lo menda,
Un omo insoma pien de cognizion,
Che fazza sul marcà da capurion.
Coss'alo mo da far? oh, gnente afato!
Cari siori, tasè, no fè che rida:
35Se nasse qualche intrigo in t'un contrato,
Bisogna che l'ascolta, e che'l decida;
Che 'l fazza da nodaro, e da avocato,
Che gnanca de so pare nol se fida;
Che el fazza in soma tante istorie, e tante,
40Che adesso ve le conto tute quante.
     Bisogna, che lu sazza i brazzoleri,
Ogni quarta, ogni peso, ogni mesura;
Che l'osserva, se i favri, e i caldereti
Vende grele, e stagnae, che poco dura,

[p. 121 modifica]

45Se i nostri do noveli pignateri
Dà via pigliate senza inveriadura,
Perchè sti do marcanti, a quel che sento,
Vol vadagnar l'otanta, e più per cento.
     Che'l varda, se ghè a torzio de quei puti,
50Che svoda senza preghi le scarsele;
Se quei, che va vendendo fiori, e fruti,
Ghe bate l'azzalin a stè putele;
Se i becheri ghe dà el so giusto a tuti;
Se i vende cinque al grosso le sardele;
55Se la farina è sana, e se i paneti
Xe come che i ghe piase ai povereti.
     Adesso sì, Paroni, vien el bon:
Dove s'à da trovar sto galantomo,
Che fazza sul marcà da capurion?
60Bisogna certamente, che'l sia un omo,
Come v'ò dito, pien de cognizion,
Un svelto cortesan, un vero tomo
De quei, che par formai dala natura
Per portarla con aria, e con bravura.
     65Me sento, che me dise qualche sior:
No ghe vedo sta gran dificoltà,
I fatori xe tre, sciegliè un fator,
Ghe gabia le premesse qualità:
Mì, mo, che la so longa, a sto dotor
70Ghe respondo con tuta brevità:
Fatori? Signor no, saveu perchè?
Perchè i ga i so difeti tuti tre.

[p. 122 modifica]

     La figura de Toni 1 veramente
Xe tuto el belo, che se pol trovar;
75Ma la bela fegura po val gnente,
Se, chi la ga, no la sa ben portar:
Le bone col vilan no fa mai gnente;
Bisogna qualche volta bastonar:
Sarò donca scusà dal caro amigo,
80Se penso de levarlo da sto intrigo.
     Gnanca el nostro Andreeta 2 no xe quelo
Nol xe fato, voi dir, per sta fonzion:
El xe un demonio, se parlè con elo;
Ma se parlè con mi, l'è tropo bon;
85E po' el ga un far, che no xe tanto belo,
El dorme tuto el dì come un poltron..
O, me dirè, el xe vechio, povereto!
E ben, ch'el fazza el capurion in leto,
     Anca in Pastò 3 ghe trovo el so gran ma
90Perchè, sibèn l'è basso de statura,
L'è fornio cussì ben de capital,
Voi dir de naso, dove la natura
Con lu xe stada tanto liberal,
Chè co i putei lo vede i ga paura;
95Che se gnanca pur lu no ghe xe el caso,
La colpa no xe mia; ma del so naso.
     Gnanca per mi, benchè mi sia Dotor

[p. 123 modifica]

Benchè sia grando, grosso, e assae ben fato,
Benchè dolce de far, de bel'umor,
100E d'ogni compitezza sia el ritrato;
Nò, nò, sta dignità, sto bel onor
Ghe toca a mio compare Trivellato 4
Omo de mondo svelto, e soprafin,
Amigo dele tripe, e del bon vin.
     105Questo, vedeu, xe un omo, che ga tuto;
Metèlo in che fonzion, che più ve piase,
Nè stè a vardar che 'l sia cussì destruto,
Nol ga mai povereto! un fià de pase:
Lu è sempre in gamba, e sempre dapertuto,
110El frusterà ogni zorno trenta case,
Perchè tuti lo vol, tuti ghè drio...
Gran omo! mo gran omo, pofardio!
     Metèlo a far el cuogo, el xe un monsù,
Se sentissi che zope, che bruetini!
115Che rosti! che polpete! che ragù!
Come che 'l giusta ben i colombini!
Se no credessi, andè a disnar da lu,
E sentirè che boni boconcini;
Fra i altri piati, el ga certo sgnazzeto,
120Che senza falo la fa far in leto.
     Mètelo a trar de schiopo el xe un demonio
El tira giusto quanto tira un sbiro:
L'à imparà sto mistier da un certo Anfronio
Che in tredesani no perdeva un tiro:

[p. 124 modifica]

125Col gera unito in santo matrimonio
So muger gera un zuchero, un botiro,
Perchè el la mantegniva a gardelini,
Tuti quanti copai co i so trarini.
     Tolelo in tel vestiario el par un sposo,
130El xe perverità tirà a penelo:
L'è po cussì bufon, voi dir grazioso,
D'un far cussì galante, e cussì belo,
E con le done tanto manieroso;
Chechi ghe dona el cuor, e chi el durelo;
135El xe, insoma, una perla, un zensamin,
Un vero ganimede, un paladin.
     Compare, via da bravo, prepareve
A farla da bon giudice valente,
Prima de sentenziar ben informeve,
140Se volè comparir omo prudente;
Dei giudizi dei altri prevaleve,
Nè fè che mai ne vaga zo de mente
La sentenza del musso, e la somara,
Nata, sarà cent'ani, in Anguilara.
     145Gera un dì de marcà, e quieta, quieta
Andava pascolando per la piazza
Una gentil, e fresca somareta,
Quando che un asenon de quei de razza,
Invidioso del ben de sta cosseta,
150Ghe salta adosso, e tanto el la strapazza,
Chè piena de spavento l'asenela
Se taca a galopar col musso in sela.

[p. 125 modifica]

     La core, e dove vala? indovinèlo!
S'una stiva de piati stesi in tera,
155E unita col nemigo i fa un duelo,
Chè i ghe ne rompe più d'una massera.
Co quel marcante vede sto flagelo,
El ciga: chiapa, chiapa, spra, sèra:
I li sèra defati in t'una stala,
160Che scusarè, se no ve digo quala.
     Inteso sto negozio dai vilani
Paroni dei do mussi sequestrai,
I biastemava come do furlani;
Ma 'l bon piater, che no voleva guai,
165Ghe dise: compatì, cari cristiani,
I vostri anemaleti xe serai;
Ma pagada che xe la roba rota,
Come xe giusto, ve li molo in bota.
     El paron dela mussa dise: sì,
170Gavè rason; ma fè che paga questo.
Cossa distu, galioto! paga ti,
Responde l'altro. Te go giusto in cesto!
Replica el primo, sapi ben, che mi
Più tosto de pagar; vago in aresto:
175Se 'l to musso no gera un prepotente,
La mia musseta non rompeva gnente.
    Avisà de sto fato el capurion,
El fa, che i comparissa al tribunal,
E dopo aver intesa ogni rason;
180El dise fra de lu: no ghe xe mal;
Ouà no se trata in fin che d'un lion,

[p. 126 modifica]

Per saldo del destruto capital,
E come che le gambe gera sie,
185Vinti sie soldi, e un bezzo fa per pie.
     E po' el pronuncia a sorte: pagàrà
I do terzi la mussa, e quel che resta
Ghe toca al musso; la reson xe quà:
I piè deve pagar mi tanto a testa.
190Co quattro piè la mussa ga pestà,
E l'aseno con do: la lege è questa.
El li saluda serio, e 'l volta via:
Ve saludo anca mi, Bondisioria.




Note
  1. Sior Antonio Chino amigo del'autor.
  2. Sior Andrea Trivellato.
  3. Sior Zaneto so fradelo.
  4. Sior Zaneto morto da là a pochi ani.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_Marcà_de_Bagnoli&oldid=49888"