Pagina:Poesie edite ed inedite de Lodovico Pastò venezian.djvu/126

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Per saldo del destruto capital,
E come che le gambe gera sie,
185Vinti sie soldi, e un bezzo fa per pie.
     E po' el pronuncia a sorte: pagàrà
I do terzi la mussa, e quel che resta
Ghe toca al musso; la reson xe quà:
I piè deve pagar mi tanto a testa.
190Co quattro piè la mussa ga pestà,
E l'aseno con do: la lege è questa.
El li saluda serio, e 'l volta via:
Ve saludo anca mi, Bondisioria.


L'AUTOR


AI SO AMICI.


Come che vedè, ristampando sta ultima volta el mio Friularo, la mia Polenta, e 'l mio Lesbin, go zontà alcune dele manco pezzo de quele miseriete, che andava butando zo de quando in quando, per una rason, o per l'altra, mai con l'idea de volerle espor al Publico; ma siccome la magior parte de vualtri, per dir la santa verità, no fava, che domandarne la copia ora d'un pezzo, ora del'altro, ora de quel'altro,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_edite_ed_inedite_de_Lodovico_Pastò_venezian.djvu/126&oldid=63828"