Pagina:Poesie edite ed inedite de Lodovico Pastò venezian.djvu/119

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Oh, saressi un gran bel tomo!
     Caro fio, penseghe su,
     64E credeghe a un galantomo,
Che ga in odio l'impostura,
     Che ga sempre in boca el cuor.
     Ch'è per vu pien de premura,
     68Pien de stima, e pien d'amor.


EL MARCÀ DE BAGNOLI.
SCRITO L'ANNO 1788.


     Bagnoli xe un logheto cussì belo,
Cussì ben fato, e pien de simetria,
Che poeta no ghè, no ghè penelo,
Che ve possa mostrar cossa lu sia:
5Nol par minga una vila; ma un castelo,
Una contea, o qualche signoria:
Chi no crede sta roba vegna quà,
Che, come ogn'altro, el resterà incantà.
     Se vedessi che broli, che zardin!
10Che corte, che palazzo, che granari!
Che stupende campagne, che bon vin!
Che regazzote, che musoti rari!
Che famoso specier, che casolin!
Che dotor, che chirurghi, che boari!
15Che aria benedeta! sti Paroni

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_edite_ed_inedite_de_Lodovico_Pastò_venezian.djvu/119&oldid=63821"