Pagina:Poesie edite ed inedite de Lodovico Pastò venezian.djvu/123

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Benchè sia grando, grosso, e assae ben fato,
Benchè dolce de far, de bel'umor,
100E d'ogni compitezza sia el ritrato;
Nò, nò, sta dignità, sto bel onor
Ghe toca a mio compare Trivellato 1
Omo de mondo svelto, e soprafin,
Amigo dele tripe, e del bon vin.
     105Questo, vedeu, xe un omo, che ga tuto;
Metèlo in che fonzion, che più ve piase,
Nè stè a vardar che 'l sia cussì destruto,
Nol ga mai povereto! un fià de pase:
Lu è sempre in gamba, e sempre dapertuto,
110El frusterà ogni zorno trenta case,
Perchè tuti lo vol, tuti ghè drio...
Gran omo! mo gran omo, pofardio!
     Metèlo a far el cuogo, el xe un monsù,
Se sentissi che zope, che bruetini!
115Che rosti! che polpete! che ragù!
Come che 'l giusta ben i colombini!
Se no credessi, andè a disnar da lu,
E sentirè che boni boconcini;
Fra i altri piati, el ga certo sgnazzeto,
120Che senza falo la fa far in leto.
     Mètelo a trar de schiopo el xe un demonio
El tira giusto quanto tira un sbiro:
L'à imparà sto mistier da un certo Anfronio
Che in tredesani no perdeva un tiro:

  1. Sior Zaneto morto da là a pochi ani.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_edite_ed_inedite_de_Lodovico_Pastò_venezian.djvu/123&oldid=63825"