Pagina:Poesie edite ed inedite de Lodovico Pastò venezian.djvu/120

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Se ingrassa, co i xe quà, come caponi.
     Ghe gnente de più belo de sta piazza,
E specialmente ancuo, che ghè el marcà?
Gran fruti sta matina! gran carnazza!
20Che stupendo vedelo, che castrà!
Quanto polame fin, quanta robazza
D'ogni color, e d'ogni qualità!
Altro che Sinigagia, pofardia!
Lassemo pur che sto marcà s'invia
     25Vederè, vederè! ma quà ghe voi
Un omo che presieda a sta facenda,
Un omo svelto, e bravo come el sol,
E che de foro molto se ne intenda;
De quei, che tuto sa, che tuto pol,
30Chè più che'l pano è fin, più ben lo menda,
Un omo insoma pien de cognizion,
Che fazza sul marcà da capurion.
Coss'alo mo da far? oh, gnente afato!
Cari siori, tasè, no fè che rida:
35Se nasse qualche intrigo in t'un contrato,
Bisogna che l'ascolta, e che'l decida;
Che 'l fazza da nodaro, e da avocato,
Che gnanca de so pare nol se fida;
Che el fazza in soma tante istorie, e tante,
40Che adesso ve le conto tute quante.
     Bisogna, che lu sazza i brazzoleri,
Ogni quarta, ogni peso, ogni mesura;
Che l'osserva, se i favri, e i caldereti
Vende grele, e stagnae, che poco dura,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_edite_ed_inedite_de_Lodovico_Pastò_venezian.djvu/120&oldid=63822"