Pagina:Poesie edite ed inedite de Lodovico Pastò venezian.djvu/121

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


45Se i nostri do noveli pignateri
Dà via pigliate senza inveriadura,
Perchè sti do marcanti, a quel che sento,
Vol vadagnar l'otanta, e più per cento.
     Che'l varda, se ghè a torzio de quei puti,
50Che svoda senza preghi le scarsele;
Se quei, che va vendendo fiori, e fruti,
Ghe bate l'azzalin a stè putele;
Se i becheri ghe dà el so giusto a tuti;
Se i vende cinque al grosso le sardele;
55Se la farina è sana, e se i paneti
Xe come che i ghe piase ai povereti.
     Adesso sì, Paroni, vien el bon:
Dove s'à da trovar sto galantomo,
Che fazza sul marcà da capurion?
60Bisogna certamente, che'l sia un omo,
Come v'ò dito, pien de cognizion,
Un svelto cortesan, un vero tomo
De quei, che par formai dala natura
Per portarla con aria, e con bravura.
     65Me sento, che me dise qualche sior:
No ghe vedo sta gran dificoltà,
I fatori xe tre, sciegliè un fator,
Ghe gabia le premesse qualità:
Mì, mo, che la so longa, a sto dotor
70Ghe respondo con tuta brevità:
Fatori? Signor no, saveu perchè?
Perchè i ga i so difeti tuti tre.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_edite_ed_inedite_de_Lodovico_Pastò_venezian.djvu/121&oldid=63823"