Dell'Inerzia, e perdita del tempo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Dell'Inerzia, e perdita del tempo
Satira nona.
1671
←  Che vana è per il più l’opinione dell’honore. Sonetto 8 Edission e fonte ▼ Non v’è perdita maggiore della perdita del Tempo. Sonetto 9  →
[p. 115 modifica]
DELLA INERZIA, E PERDITA
del Tempo.


SATIRA NONA.


TUto quel, che se perde, e che consiste
     Ben anca in bagatele, a l'Homo è greve.
     E al tempo, che carissimo esser deve,
     4Perdite volontarie hò sempre viste.

Che delirij xe questi? El tempo solo
     Nostro se crede, ogn'altra cossa aliena;
     E cussì mola se ghe tien la brena?
     8E se ghe dà cussì libero el volo?

No' parlo de quei tempi, che perdemo
     Necessitai, quando ne vien molesti
     Imbrogi adosso, o infermità, se questi
     12Preveder mai, ne reparar podemo.

Ma considero quei, che havemo in man
     In poder nostro, e che nissun ne i tiol.
     Gran vergogna per Dio! Donca se vuol
     16Perder l'ancuo, se incerto anca è 'l doman?

[p. 116 modifica]


L'ozio, peste del Mondo, ò quanti chiama
     Lussi, e scandali à campo! ò come gravi
     I pericoli porta! ò quanto pravi
     20Rende i costumi, e'l vincer nostro infama!

Voleu saver (dise Nason) qual causa
     Fè dar in preda a l'adulterio Egisto?
     Perche de l'ozio un vergognoso acquisto
     24No' dava al senso mai requie, ne pausa.

Quando el nome roman, vanto se dava
     De saver debelar d'Africa i Regni,
     D'Asia, e d'Europa, a quai sublimi segni
     28Giera el valor? Roma superba andava.

Ma in Roma, quando l'ozio fu introduto,
     E fù dal lusso i animi snervai,
     Roma apena fù Roma. O quanto mai
     32Roma languì! Questo è de l'ozio el fruto.

Ma doman se farà! Gh'è tempo ancora.
     Gh'è tempo? Opera ancuo. Tarda xe tropo
     L'opera del doman. Desfa sto gropo.
     36Chi t'acerta el doman? Questa xè l'hora.

[p. 117 modifica]


Ti vorà forsi al'hora far, che'l mezo
     Te sarà per mancar, mente infingarda.
     Tempo no' sparagnar: che in fondi è tarda
     40La parsimonia, e resta sempre el pezo.

Recevi un bon consegio: opera adesso:
     Ne star a dirme: a cintola no' tegno
     Gnanca la man: che no' te vedo a segno,
     44Ne ancora el passo in carizà ti hà messo.

Tuto quel, che ti fà, no'n'è ben fato.
     L'opera, per el più, biasmo te porta.
     E, se rason no' te farà la scorta,
     48Vedo messo el bon nome a scacomato.

Dovendo cavalcar, la sela in prima
     Parechia ben: perche, se a l'improviso
     Ti caschi zò, ti movi el Mondo a riso,
     52E, per zonta, un'Aloco altri te stima.

No' te fidar del to' cervel, che suola.
     Teme chi sà: chi è scemo, è confidente:
     E, daspò, che intravien qualche acidente,
     56Xè el dir, no'g'hò pensà, stolta parola.

[p. 118 modifica]


Felice è quel, che à spese d'altri impara;
     E principia a bon'hora a farse strada
     Al bon conceto, e stà su la parada,
     60Per viver cauto, e per no' dar in zara.

Sò che me se puol dir; che piase a tuti
     Darse bel tempo. Sì, ma con giudicio,
     E a liogo conveniente, e nò a capricio;
     64E nò con modi desonesti, e bruti.

Se fazza prima un fondamento sodo
     Su le fortune, e pò, se gh'è a chi piase
     L'animo recrear, me'l togio in pase,
     68Ne l'honestà reprendo mai del modo.

Se fazza prima quel, che più convien,
     Per acquistar bon nome, e utilità.
     E pò se puol, per qualche libertà,
     72Anca un'ochio serar: tuto sta ben.

Ma quel'andar sì spesso a zuetando
     A Feste, a sagre, a vegie, a far monae
     A questa, a quela, e subij, e sberetae,
     76E andar sot'ose in strada a cantuzzando:

[p. 119 modifica]


Quel, senza guadagnar, far grosse spese,
     Quel tior de Casa, e visitar Hebrei,
     Quel petene sì spesso in te i cavei,
     80Per le publiche strade, e per le Chiese;

Quei risi squaquarai, quei fronti roti,
     Quel sfender con la vose, e rechie, e teste;
     Quele sporche parole, e desoneste,
     84Quel trescar con bufeti, e con sberloti;

Quel'andar con fandonie, e con pastrochie
     Intrigando el cervelo a questo, a st'altro,
     Quel ladro modo, insidioso, e scaltro
     88De cavar soldi da comprar panochie.

Quel far el Cintio tuto el santo dì
     Sù la lista de Piazza el Carneval,
     E consumar del tempo el cavedal
     92In mascare, in bagordi, e che soi mì?

Quel'andar per i palchi ale Comedie,
     Con candele impizzae, senza modestia,
     E farse dir: destua, fio d'una bestia,
     96Da quei, che stà da basso in sù le sedie;

[p. 120 modifica]


Quel pugnaleto a lai; quel bateleto;
     Quele spesse marende in barca al fresco,
     Quei Redutini, e pò qualche altro tresco,
     100Che dir no' me'l vuol far degno respeto.

O Dio! quela manopola, quel zaco,
     Quela celada al fianco, e quela targa,
     Quel fodro mezo averto a lama larga,
     104E quel cospeto d'altro, che de Baco,

No'l posso comportar. No' sò che farghe.
     Habia pazienza, s'à qualcun ghe toca
     De farse rosso. E, s'hò il mio cuor in boca,
     108A sta mia libertà forza è de starghe.

Più vergognosa perdita de questa
     No' se puol dar de tempo, e me vergogno,
     Con satirico stil, d'haver bisogno
     112De zanze a chi m'ascolta empir la testa.

Ma forsi me dirà quel Cagonzelo,
     Che pretende de far del bel in banca:
     Che importa adesso che'l cervel me manca?
     116Se acquisto età, me acquisterò cervelo.

[p. 121 modifica]


Che eta vustu acquistar, se ti la perdi?
     Ti fà un sbrisso; ti meti el passo in falo.
     Vustu aspetar che'l vizio fazza el calo?
     120Dà pur la piega a i rami infin chi è verdi.

Và pur sempre del tempo al'avantazo
     E no' passar de l'ignominia el vado:
     Che, se l'Etica passa al terzo grado,
     124Chiama Esculapio, e teteghe de mazo.

Nave è la vita, e l'Homo è'l Passizier,
     Mar el Mondo, borasche è le passion,
     Stogi i timori, e Venti le ambizion,
     128E de sta Nave xè'l cervel Nochier.

Ti xè in Nave anca ti. Sempre segondi
     No' spira i Venti; e, se'l cervel te zurla,
     Trascurando el timon, vedo una burla
     132Bruta per tì. Per Dio, che ti te afondi.

Che sastu dir? che le moderne usanze
     Vogia cussì? cussì le Compagnie?
     Tasi, no' me petar più ste busie:
     136Ti è ti l'autor: tute fandonie, e zanze.

[p. 122 modifica]


Tulio sta revocà pur da l'Inferno,
     E te defenda anca l'Amucio, el Fero,
     O'l Beregan; ne sarà mai zà vero,
     140Che assolto sia per vederte in eterno.

Se quel costume a sangue no' te andasse,
     Chi astrenzer te vorave a seguitarlo?
     E quel tal chi te sforza a praticarlo,
     144Se'l to' genio col soo no' se confasse?

Ti vedì, ò nò che quel Compagno è pravo.
     Ti intendi, ò nò, che no' n'è bon quel'uso.
     Dime de sì, la to' malizia acuso.
     148Dime de nò, la to' ignoranza agravo.

Solo chi segue el corporal dileto,
     Al cortel del Becher, ne se ne acorze,
     Qual Toro, và; và, qual incauto sorze,
     152Al cotego a lassar la vita astreto.

Se ti puol tior la regola da i boni,
     Perche vustu l'idea tior da i cativi?
     Guarda col to' cervel donde ti arivi!
     156Guarda, se ti sà far grossi maroni!

[p. 123 modifica]


Ti vedi pur che del to' tempo tanti
     Segue l'arte preclare, e'l studio abrazza;
     E i minori d'età, col farte in fazza
     160Le fighe, in drio te lassa, e score avanti.

Forsi ti me dirà: co' i più camino.
     Cape! ti hà ben rason! semo d'acordo.
     Và pur a chiapo. Un Piegoron balordo
     164Ancà ti xè. Vè, come la indivino!

Sò ben che ti xè un bel muzzafadiga,
     E l'operar a utilità te straca:
     E pur la vanità cola è, che taca
     168Sempre per ti: bisogna pur che'l diga.

Hastu pazienza do, o tre volte al zorno
     De cazzarte i cavei soto la rede,
     Revolti in cartoline, ò Ganimede,
     172O del sesso viril vergogna, e scorno?

Hastu pazienza a consegiar belezza
     Col spechio vergognosa, e d'Homo indegna?
     Vero xè pur che le to' man no' sdegna
     176Vil esercizio, e femenil bassezza?

[p. 124 modifica]


Ti hà pur fato sentir spesse matine
     Bele armonie, nò de lauti, o d'arpe,
     Ma d'aghi in man, per far galani a scarpe,
     180E capeli infranzar de cordeline.

Vustu titolo haver de femenela
     De fato in fin, zà che Natura a torto
     Maschio te vuol? fà un'opera, (t'esorto)
     184Trova un cortel, che tagia, e fala bela.

Cheba mata, vergognete, e su'l trozo
     Vien de l'honesto, e in carizà camina:
     L'animo adorna, e l'opera destina
     188A la Virtù, nostro seguro apozo.

Lassa le frascarie, lassa i matezzi.
     No' dormir più. Desmissiete una volta.
     Score el dì: lieva sù, mente sepolta
     192Del senso vil trà le lascivie, e i vezzi.

Pensieri veramente alti, e sublimi!
     Presto ti perderà falace, e infida
     Sta zoventù, che a vanità te guida,
     196Sto bel, che tanto ti coltivi, e stimi.

[p. 125 modifica]


E la Belezza un fragil ben, che bà l'ale.
     E un don la Zoventù d'un tempo breve:
     E quel, che hà da vegner sempre receve
     200Stato pezor de quel, ch'è drio le spale.

E queste, che te dà tanta baldanza
     Grazie, se ti le perdi, a che estu zonto?
     Penseghe ben: perche, se fala el conto,
     204Niente, via da vergogna, altro t'avanza.

Sù le fortune hastu fidanza forsi?
     Lubriche è le fortune, e le richezze.
     Quanti arlevai trà lussi, e morbidezze,
     208A precipizio in le miserie è corsi?

Tal'un hò visto a trazer tondo el peto,
     E in gondola a do remi andar vagando,
     E, per passar adesso el canal grando,
     212El Ponte de Rialto hà per tragheto.

Muragie zà de preziosi Quadri
     Viste hò fornie d'oro, e de sea coverte,
     E adesso tien porte, e finestre averte:
     216Che tuto in Casa è segurà da i Ladri.

[p. 126 modifica]


Le prodigalità quanti le pianze!
     Quanti indarno sospira el tempo perso!
     Quanti, se al repiar più no' gh'è verso,
     220La vergogna, e'l dolor macera, e franze!

La Virtù è un cavedal, che sempre è rico,
     Che no' patisce mai ruzene, o tarlo;
     Che sempre cresce, e no' se puol robarlo,
     224E mai no' rende el Possessor mendico.

La Virtù te dà grazia, anca se molto
     Vechio ti fussi; e te dà nobil forme.
     La Virtù te fà belo, anca deforme.
     228La Virtù te fà vivo anca sepolto.

Seguila donca, e l'animo coltiva,
     E grato ti sarà zovene, e vechio.
     Socrate vuol che ti te guardi in spechio,
     232Ma con mente moral, nò con lasciva.

Studia, ò mal consegià, fin che in ti fresca
     Xè la memoria, e l'inteleto aguzza:
     Ne star tra quei, che le fadighe muzza:
     236Pratica i libri, onde el saver se pesca...

[p. 127 modifica]


Cerca però quei, che erudir te possa.
     Sapi scielta ben far dele dotrine:
     Ne meter sul fogher trope fassine,
     240E dal megio principia a dor la mossa.

Vustu cavar de le leture el fruto?
     Dal poco, ma dal bon cerca el profito.
     S'è verità quel, che un gran Savio hà scrito,
     244No' ne in liogo nissun quel, ch'è per tuto.

Intendi ben quel, che ti studij in prima;
     Ne voler scorer via pingui Minerva:
     E, se ti scrivi, i boni Autori osserva.
     248Quel, che ti fà spesso revedi, e lima.

No' te pensar gran cosse in t'una sera
     De saver far, come tal'un milanta.
     Tuto vuol tempo. O quel, che se ne vanta
     252Zavaria, o fà, scrivendo, una chimera.

No' te curar de turgida eloquenza:
     Ma sia la frase disinvolta, e pura.
     Acopia l'artificio ala natura,
     256E sia chiaro el conceto, e la sentenza.

[p. 128 modifica]


Premedita le cosse, anca dovendo
     Poco parlar, se in publico ti parli:
     Che puol chi vede i scogi anca schivarli:
     260E se provede ben, be prevedendo.

Ma no' vogio saltar de là dal fosso.
     Son tropo co'l mio dir forsi trascorso.
     Se ti xe un'Homo, adopera el discorso,
     264Che far più no' te vogio el Mistro adosso.