Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/140

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Le prodigalità quanti le pianze!
     Quanti indarno sospira el tempo perso!
     Quanti, se al repiar più no' gh'è verso,
     220La vergogna, e'l dolor macera, e franze!

La Virtù è un cavedal, che sempre è rico,
     Che no' patisce mai ruzene, o tarlo;
     Che sempre cresce, e no' se puol robarlo,
     224E mai no' rende el Possessor mendico.

La Virtù te dà grazia, anca se molto
     Vechio ti fussi; e te dà nobil forme.
     La Virtù te fà belo, anca deforme.
     228La Virtù te fà vivo anca sepolto.

Seguila donca, e l'animo coltiva,
     E grato ti sarà zovene, e vechio.
     Socrate vuol che ti te guardi in spechio,
     232Ma con mente moral, nò con lasciva.

Studia, ò mal consegià, fin che in ti fresca
     Xè la memoria, e l'inteleto aguzza:
     Ne star tra quei, che le fadighe muzza:
     236Pratica i libri, onde el saver se pesca...

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/140&oldid=62795"