Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/129

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DELLA INERZIA, E PERDITA
del Tempo.


SATIRA NONA.


TUto quel, che se perde, e che consiste
     Ben anca in bagatele, a l'Homo è greve.
     E al tempo, che carissimo esser deve,
     4Perdite volontarie hò sempre viste.

Che delirij xe questi? El tempo solo
     Nostro se crede, ogn'altra cossa aliena;
     E cussì mola se ghe tien la brena?
     8E se ghe dà cussì libero el volo?

No' parlo de quei tempi, che perdemo
     Necessitai, quando ne vien molesti
     Imbrogi adosso, o infermità, se questi
     12Preveder mai, ne reparar podemo.

Ma considero quei, che havemo in man
     In poder nostro, e che nissun ne i tiol.
     Gran vergogna per Dio! Donca se vuol
     16Perder l'ancuo, se incerto anca è 'l doman?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/129&oldid=62782"