Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/131

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ti vorà forsi al'hora far, che'l mezo
     Te sarà per mancar, mente infingarda.
     Tempo no' sparagnar: che in fondi è tarda
     40La parsimonia, e resta sempre el pezo.

Recevi un bon consegio: opera adesso:
     Ne star a dirme: a cintola no' tegno
     Gnanca la man: che no' te vedo a segno,
     44Ne ancora el passo in carizà ti hà messo.

Tuto quel, che ti fà, no'n'è ben fato.
     L'opera, per el più, biasmo te porta.
     E, se rason no' te farà la scorta,
     48Vedo messo el bon nome a scacomato.

Dovendo cavalcar, la sela in prima
     Parechia ben: perche, se a l'improviso
     Ti caschi zò, ti movi el Mondo a riso,
     52E, per zonta, un'Aloco altri te stima.

No' te fidar del to' cervel, che suola.
     Teme chi sà: chi è scemo, è confidente:
     E, daspò, che intravien qualche acidente,
     56Xè el dir, no'g'hò pensà, stolta parola.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/131&oldid=62785"