Colonna mia, per do o tre volte sole

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Colonna mia, per do o tre volte sole (Sonetto XXXIV)
XVI secolo
←  Sonetto XXXIII. Come de una cigala e una gazzuola Edission e fonte ▼ Sonetto XXXV. Questa è la mior casa de sta tera  →
Altra edizion: La Dichiarazione (1817)

Colonna mia, per do o tre volte sole
Che l'altra sera me tolessi su,
E me son tanto innamorà de vu
Che vago tutto in acqua de viole.

E per no starve a far tante parole,
Per no starve mo a dir che un poco più
Son quasi morto al gran martel c'ho habbù,
Co fa sti innamorai che è da do siole,

Se me volé che sia vostro moroso,
Son aponto per vu, son tanto gàgio
Cha havaré certo un zovane vistoso.

Son homo po, che quando vògio, vàgio,
Son un zovane alfin virtudioso,
E se no me credé toléme a tàgio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Colonna_mia,_per_do_o_tre_volte_sole&oldid=67904"