Come de una cigala e una gazzuola

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Come de una cigala e una gazzuola (Sonetto XXXII)
XVI secolo
←  Sonetto XXXII. Tògia el mio fronte, e tògia le mie zanze Edission e fonte ▼ Sonetto XXXIV. Colonna mia, per do o tre volte sole  →
Altra edizion: Il vero amore (1817)

Come de una cigala e una gazzuola
Resti un orco e un alocco in un momento,
Mi che soleva haver zanze per cento
Ste'un'hora a mendicar meza parola.

Né pode' rampegar su per la golla
Mai la pena e 'l dolor che haveva drento,
Fui giusto come un putto mal contento
S'el vien chiappà a ziogar dal mistro in scuola.

Cusì davanti a quella luse viva
Mille rason che havrìa prima sì pronte
Reverentia e timor le retegniva.

Al fin conversi l'una e l'altro in fonte.
In luogo della vose me vegniva
Le parole bagnae fuora del fronte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Come_de_una_cigala_e_una_gazzuola&oldid=67902"