Questa è la mior casa de sta tera

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Questa è la mior casa de sta tera (Sonetto XXXV)
XVI secolo
←  Sonetto XXXIV. Colonna mia, per do o tre volte sole Edission e fonte ▼ Sonetto XXXVI. Un povero anemal, una bestiola  →

Questa è la mior casa de sta tera,
Tutto l'inverno ghe ha dormìo el vento.
L'instà ghe nasse el sol, e ghe muor drento,
Né mai se sente autuno o primavera.

Ghe xe sotto i balconi el tagiapiera,
Qua ghe passa dei carri cinquecento,
Ghe se sente un rumor, un sturnimento,
Che par che l'altre case vegna a tera.

Ghè la burattaora del forner,
La gramola, el scoltor, cento fachini
Che zioga el dì alla mora per piaser,

Ghè almanco diese o dodese camini
Che manda drento el fumo, gh'è el tessèr,
E se sente a criar sempre i visini.

La scala ha pò i scalini
Cusì pericolosi e cusì ratti
Che a mala pena gh'andarave i gatti.

Ghe xe pò i celegatti
De mo' su i coppi, e tutta la mattina
I me desmìssia co una romancina.

Ghè na razza sassina
De mosche ch'è cent'anni che le nia,
Tutta la notte pò le rane cria,

Che xe qua attorno via.
La cusina de fumo ghe xe, che orba,
Una camera spuzza, che l'amorba.

Un subito se sgorba
Se 'l va in suffitta pò una volta sola,
Dove che i sorzi zioga a mandariola.

E dirò sta parola,
Che essi, contra la lezze de natura,
Se i vede un gatto i ghe farà paura,

Tanto i è fuor de mesura.
La càneva xe calda, e questo è bello,
Che appresso i ghè andà a far anche el fornello.

El pozzo è vastà anch'ello.
Mi credo, co i murari xe vegnui
Per repezzarlo, i sia stà futtui,

E chi essi e ch'i ha tegnui,
E che la casa fosse maladìa,
E de desgratie così ben fornìa,

Che co me parto via
Ghe starà i bolettini pi attaccai
Che quei che ha torno el cul Livia pettai.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Questa_è_la_mior_casa_de_sta_tera&oldid=42729"