Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/80

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ma più, che de sbrigarse i se sfadiga,
    In te la rede più che mai i s'intriga;
                        48Co la lussuria ciga,

El buso tanto fà d'una strazzona,
    Come quello de qualche Zentildona;
                        51Zà la xe tutta Mona,

Anzi quella de qualche poveretta
    Per el più xe più sutta, e xe più stretta.
                        54Oh vita benedetta!

Magnar, co se gà fame, e sborar spesso
    Con tutte quelle, che ve vien per tresso.
                        57Questa, mi vel confesso,

Per viver ben la xe l'unica strada,
    Tutto 'l resto no val 'na buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/80&oldid=64897"