Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/282

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Tutto quel, che giova, e che ghe piase,
    E poveretto quello, che no tase?
                    33Oh! Benedetta pase,

Che se godeva in quella prima union
    Dove, che tutto giera in comunion.
                    36Chi è stà quel buzaron,

Ch'hà introdotto nel Mondo el too, e'l mio?
    L'hà fatto dei gran danni, sì per Dìo!
                    39Chi sarà mai quel fìo,

Che diga, che le parte xe ben fate,
    Se un veste ben, e un mostra le culate?
                    42Chi hà ricchezze spietate,

E puol mantegnir più d'una Dona,
    E chi un bezzo no gà d'andar in Mona;
                    45Chi smagnazza in poltrona,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/282&oldid=64464"