Zonto alla natural mia impatientia

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Zonto alla natural mia impatientia (Sonetto VI)
XVI secolo
←  Sonetto V. Eccetto l'homo ogni altra bestia ha ben Edission e fonte ▼ Sonetto VII. Se se accordasse in ciel ciascuna stella  →

Zonto alla natural mia impatientia,
Fatta per l'uso al cuor piaga fondìa,
E alla mia singular poltronaria
Che ha per massera la mia diligentia,

Ho per gratia del ciel tal influentia
Che certo altri che mi se appicherìa,
Che ogni pianetto per so cortesia
Me ha qualche puoco de malevolentia.

Mi, che se vedo urtar un sasso a un can,
Fazzo a mità con esso del dolor,
Che per lu maledisso quella man,

Se me vògio cavar qualche mio humor,
El diavol, del mio dano vardian,
Tàgia el dessegno e me spartisse el cuor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Zonto_alla_natural_mia_impatientia&oldid=43161"