Eccetto l'homo ogni altra bestia ha ben

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Eccetto l'homo ogni altra bestia ha ben (Sonetto V)
XVI secolo
←  Sonetto IV. Potta, chi havesse ditto che un par mio Edission e fonte ▼ Sonetto VI. Zonto alla natural mia impatientia  →

Eccetto l'homo ogni altra bestia ha ben,
L'altre vien governae dalla Natura,
Che è so mare, so nena, e che ghe ha cura,
Che ghe dà tutto quello che ghe vien.

L'homo delle desgrazie è prima pien
Che l'habbia, se puol dir, preso figura,
L'è pur solo, che sa, che ha sta paura
De tornar, de ressolverse in terren.

Ello ha per guida el senso e la rason,
E se l'è da una banda parzial,
L'altra el tien in continua passion.

Gramo sto viver misero e mortal,
Se la Natura e 'l ciel ne fa sto don
Perche 'l sia fondamento d'ogni mal!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Eccetto_l%27homo_ogni_altra_bestia_ha_ben&oldid=41603"