Se se accordasse in ciel ciascuna stella

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Se se accordasse in ciel ciascuna stella (Sonetto VII)
XVI secolo
←  Sonetto VI. Zonto alla natural mia impatientia Edission e fonte ▼ Sonetto VIII. O cielo, e me inzenocchio e mando fuora  →
Altra edizion: L'Amante unica (1817)

Se se accordasse in ciel ciascuna stella
De mostrar le so forze ai nostri dì,
E metter tutto quel che la puol pi
Per formar una Venere novella,

No sarìa mai che me piasesse quella
Tanto co' è questa che ho depenta in mi,
Né voi cercar zo che la fosse in sì,
Se ben che in mi la no sarìa pi bella.

No posso far sì lucido concetto
Che appresso el sol, che luse al mio pensier,
Ogni altro no me para un feraletto.

No posso far, e no vorìa poder,
Che no voi poder creder che altro oggetto
Me daga maravegia, né piaser.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Se_se_accordasse_in_ciel_ciascuna_stella&oldid=67828"