Vu savé pur se xe do mesi e più

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Vu savé pur se xe do mesi e più (Sonetto LXVII)
XVI secolo
←  Sonetto LXVI. In st'acque de purissimo crestal Edission e fonte ▼ Sonetto LXVIII. Fia mia, visetto bello inzucarao  →
Altra edizion: La Risoluzione (1817)

Vu savé pur se xe do mesi e più
Che vegno a vostra instanza ogni dì qua,
Vu savé pur se son inamorà,
E se amo fia più bela altra che vu.

Vu savé molto ben se ve ho vogiù
Più ben a vu che a chi ve ha inzenerà,
Savé se quando m'havé comandà
Me son levà da mezanotte su.

E adesso mo che ve domando che
(E tuto quanto el zorno ve son drio)
Amé el vostro meschin, vu me 'l neghé?

Pur, za che ve trazé del fato mio,
E che tanti mie preghi no stimé,
E ve ne incago, e sì me cazzo in rio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Vu_savé_pur_se_xe_do_mesi_e_più&oldid=67855"