In st'acque de purissimo crestal

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
In st'acque de purissimo crestal (Sonetto LXVI)
XVI secolo
←  Sonetto LXV. Mi che son in amor un paladin Edission e fonte ▼ Sonetto LXVII. Vu savé pur se xe do mesi e più  →
Altra edizion: Il vino caduto nell'acqua (1817)

In st'acque de purissimo crestal
Vedo i balassi e i lucidi rubini
Fatti da ghiozzi de diversi vini,
Che par che i pianza a vederme a star mal.

In ste zoie, in ste perle oriental,
Ghe ride mile amori pizzenini,
Che con quei cari gesti da puttini
Par che i me fazza intorno un carneval.

Porta la vista sto tributo al cuor,
Che, col sente la insolita dolcezza,
El me manda ogni spirito in amor.

Quela che, san, m'usé tanta fierezza,
Porìa ben farme a torno ogni saor
Che me curasse de la so belezza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=In_st%27acque_de_purissimo_crestal&oldid=68083"