Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/172

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


46Con le mie man voi presentarlo al buso,
            Puzete sul mio sen,
            48Mettelo drento ben,
Fraca, spenzi, trà forte, mena presto.
50Oh Dìo! Bettina mia, che gusto è questo.
            Ah! Dal piaser mi moro,
52Betta, no posso più, senti, che sboro.
Ah! Can, no me tradir, tien duro ancora,
            54Se no ti vuol, che mora,
            Caro, daghe de schena,
            56Fracheghe ben, e mena.
Spessega, Tonin, spessega, ch'addesso...
            58Sboro anca mì, per Dìo,
Che dal gusto, e piaser mi son sbasìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/172&oldid=64560"