Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/169

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DIALOGO AMOROSO.


SONETTO


Via, cara, no me far più sospirar;
    Cosa vustu Tonin? Parleme schietto.
    Vorrìa, cuor mio, che ti vegnissi in letto.
    4In letto! E gnente manco? A cosa far?

Inteso esser vorrìa senza parlar,
    In amor esser timido è un diffetto;
    Lo dirò donca, caro quel visetto,
    8Varda, che 'l digo; te vorrìa chiavar.

Cosa xe sto chiavar? Parla alla bona.
    Piu chiaro l'ho da dir, voi dirte, o cara,
    11Che 'l Cazzo vorria metterte in la Mona.

Se de più no ti vuol, Tonin, impara,
    Co la vuol ben cosa, che fà 'na Dona;
    14Sù vìa nel despoggiarse andemo a gara;

            Despireme sto busto,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/169&oldid=60482"