Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/170

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


            16Oh che tette, oh che gusto!
            Mi te le voi basar.
            18Mo vìa lassele star,
            Ti l'hà basae, che basta.
            20Gastu paura forse, che le guasta?
            Nò, ma ti hà troppa fretta,
            22Che siemo in letto aspetta:
Varda, se a despogiarme presto fazzo.
24Cosa vedo, Tonin caro sto Cazzo!
            Te lo voggio basar.
26La to Mona anca mi voi strucolar.
Vustu, che la Camisa se cavemo?
28Sì, sì, che voggio, che se la godemo.
Sotto le coltre andemo in compagnìa
            30Sì, cara anema mìa,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/170&oldid=64558"