Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/171

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Chiapessimo ben stretti a brazzacollo.
32Cosa vuol dir, che ti ga 'l Cazzo mollo?
No saverìa; sò, che un tremor me sento,
34Che me par d'andar quasi in svenimento.
Eh! No me far el matto, abbi cervello,
            36Dame quà quell'Osello.
Che sì, che 'l te vien duro in t'un momento.
38Bettina, oh Dìo che gusto, oh che contento!
Care ste tette, cara sta Monina,
            40Dame la to lenguina.
Ah! Che no posso pì, te monto addosso,
            42Più resister no posso,
            No me dir, più, ch'aspetta,
44Slarga le gambe, e lassa, che tel metta.
Damelo pur, ben mio; caro quel muso!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/171&oldid=64559"