T'ho cognossù sì gran vacca sfondrà

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
T'ho cognossù sì gran vacca sfondrà (Sonetto LI)
XVI secolo
←  Sonetto L. Se ti ha intention de darme da chiavar Edission e fonte ▼ Sonetto LII. Daspuò l'haver sette anni spasizao  →

T'ho cognossù sì gran vacca sfondrà,
T'ho descoverto cusì gran caìa,
Che, alla fè bona, no te chiavarìa
S'ti me mandassi ben la potta a ca'.

No te pensar che vegna mai pi là,
Che se ghe fosse, vignerave via.
Qualche becco fottù ghe tornarìa,
No made no, che ti no m'havarà.

E m'arrecordo un dì, che te chiavava,
Che se no me tegniva al cavezzal,
Al cospetto de mi, che m'annegava.

Me pij sì gran spàsemo al cotal,
Che se quando fui via no mel sugava,
Ghe vegniva quel dì qualche gran mal,

De sorte e muodo tal
Che quando che fu un puoco revegnù,
E' torsi un libro e sì ghe zurai su

De no me metter più
A sì fatti pericoli de mar,
Se no imparava ben prima a nuar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=T%27ho_cognossù_sì_gran_vacca_sfondrà&oldid=42967"