Se no credesse un dì, vacca sfondrà

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Se no credesse un dì, vacca sfondrà (Venieresca I)
XVI secolo
←  Sonetto LXXVI. Son come xe talun ch'è roto in mar Edission e fonte ▼ Venieresca II. Amor, méttime pur dove te piase  →

Se no credesse un dì, vacca sfondrà,
De covèrzerte el cul co la cotala,
E farte de do camere una sala,
Credo che morirave desperà.

No porterìa sta sera el cazzo a ca'
E ziogherìa pi presto ancùo alla bala,
E sarà forza un dì che te la cala.
Basta, mo no ti te ne accorzerà.

Ti no ha paura infin che ti no 'l vedi,
E s'ti pensi mo ti che no 'l farò,
Vòlseme un puoco el cul, si ti no 'l credi.

Mo, s'ti morissi presto, e fotterò
All'hora quei che resterà to heriedi,
E co i so culi e me vendicherò.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Se_no_credesse_un_dì,_vacca_sfondrà&oldid=42809"