Un povero anemal, una bestiola

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Un povero anemal, una bestiola (Sonetto XXXVI)
XVI secolo
←  Sonetto XXXV. Questa è la mior casa de sta tera Edission e fonte ▼ Sonetto XXXVII. Potta, che in Corte magno sempre a secco  →
Altra edizion: In morte d'un Cagnoletto (1817)

Un povero anemal, una bestiola,
Che no haveva altro ben, né ghe n'aspetto,
Morte l'ha tolto a fin, che per despetto
M'appicasse drio d'esso per la golla.

Un can, che stava sempre con mi a tola,
E che dormiva nel mio proprio letto.
Ha piaso alla mia stella, al mio pianetto,
Che fazza sta restante vita sola.

Non so come l'intenso mio dolor
No fesse che morisse anche mi drio.
Come el pensarlo no me crepa el cuor!

O gramo al mondo, misero Maffio,
O sorte, o ciel, che me podeu più tuor
Per cavarve la sé del fatto mio?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Un_povero_anemal,_una_bestiola&oldid=67819"