Quando che te diseva: Cara fia

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Quando che te diseva: Cara fia (Venieresca XII)
XVI secolo
←  Venieresca XI. El me è refferto, e 'l vedo tutto el dì Edission e fonte ▼ Venieresca XIII. Felice casa, che capisci in ti  →

Quando che te diseva: Cara fia,
No me piase ste man cusì sfogiose,
Ti te instizzavi e ti alzavi la ose
Digàndome, che è pezo, vilania.

Adesso mo ch'el mal è vegnù via
Che ti no te puol far nianche la crose,
Tanto ti ha le zonture dolorose,
L'avogador no è pi in Quarantia.

Grame meschine, che ve insuperbì
Per quatro strasse tanto malamente,
Che Dio né santi no cognossé pi,

E pò che è, che no è, tutte dolente
Ve tiré tutte piaghe, notte e dì,
A domandar limosina alla zente.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Quando_che_te_diseva:_Cara_fia&oldid=42702"