El me è refferto, e 'l vedo tutto el dì

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
El me è refferto, e 'l vedo tutto el dì (Venieresca XI)
XVI secolo
←  Venieresca X. L'esser ti, co ti xe, senza cervello Edission e fonte ▼ Venieresca XII. Quando che te diseva: Cara fia  →

El me è refferto, e 'l vedo tutto el dì,
Che ti sta nome su minchionarìe
De fave, pignatelle e altre herbarìe,
Per infrizar tutta la zente in ti.

Deh! no continuar, crédime a mi,
Che ste ruffiane, ste vecchie, ste arpie,
Te magnarà anche i zoccoli dei pìe,
Perché a dell'altre è intravegnù cusì.

Cérchistu farte amar? Vùstu irrichir?
Fa ch'el to cul sia el strigo e 'l negromante,
Che lu puol brusar cuori e imatonir.

Che le altre prove è fiabe tutte quante,
Da farve imberlinar, da impoverir,
Da ballorde, da bestie e da ignorante.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_me_è_refferto,_e_%27l_vedo_tutto_el_dì&oldid=41669"