Felice casa, che capisci in ti

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Felice casa, che capisci in ti (Venieresca XIII)
XVI secolo
←  Venieresca XII. Quando che te diseva: Cara fia Edission e fonte ▼ Venieresca XIV. Donna, piena de sdegno e de impietà  →

Felice casa, che capisci in ti
Quanto ha el mondo de bello e de perfetto,
Camera felicissima, e più el letto
Ch'el vedé e sustenté quasi ogni dì,

Deh! perché no me è lecito cusì,
Co el pensier corre e svuola l'intelletto,
In tel vostro pi scoso e pi secreto
Vegnir un zorno e gàlderve anche mi.

Scriverìa su quei muri tanti e tanti
Versi, che l'antro e 'l liogo ove Medoro
Scrisse, resterìa scuri tutti quanti.

Cusì fosser fatti de massizzo oro,
Rimessi de rubini e de diamanti,
Co 'l merité, co ve invidio e ve honoro.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Felice_casa,_che_capisci_in_ti&oldid=41705"