Pota, mo da che vien che quando son

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Pota, mo da che vien che quando son (Venieresca XXIV)
XVI secolo
←  Venieresca XXIII. S'ti pensi de tegnir to nezza i anni Edission e fonte ▼ Venieresca XXV. Mi vedo che volé che ve n'incaga  →

Pota, mo da che vien che quando son
In letto col mio ben e che l'ho in brazzo
Per bagolar mai se mi drizza il cazzo
Tanto che possa fàr(ghene) un bocon,

E 'l sògio pur haver duro co è un zon,
E 'l me ha pur dà a i mie dì qualche solazzo.
Adesso l'ha catà, mondo beccazzo,
De star sempre col cao a picolon.

Amor, tiome 'l magnar, tiome 'l dromir,
Fa che deventa sguerzo, sordo e muto,
Pur che del cazzo me possa servir.

Ma se in st'occasion ho perso il tutto,
Posso senz'altro andarme a sepelir,
Che co' ho perso 'l chiavar ho perso 'l tutto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pota,_mo_da_che_vien_che_quando_son&oldid=42671"