Mi vedo che volé che ve n'incaga

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Mi vedo che volé che ve n'incaga (Venieresca XXV)
XVI secolo
←  Venieresca XXIV. Pota, mo da che vien che quando son Edission e fonte ▼ Venieresca XXVI. Mo se mi voio andar da na ruffiana  →

Mi vedo che volé che ve n'incaga,
Vu e 'l resto delle pute da Muran,
Za che disé che sie scudi alla man
Per una notte no è bella paga.

Trové un puoco un aloco che ve daga,
Coioni, se vu 'l troveré doman.
Ghe ne daré po' a qualche scazzacan
Che ve buzarerà senza la paga.

Pota, se fussé qualche zentil donna
No stassé in tanta reputation.
Atacchéve al partìo, donna coiona.

Chi no 'l farìa con un partìo sì bon?
E 'l doverìa pur far ogni gran donna,
E 'l farave fin mi, homo coion.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Mi_vedo_che_volé_che_ve_n%27incaga&oldid=42458"