Per far prova, mecanica plebea

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Per far prova, mecanica plebea (Sonetto LV)
XVI secolo
←  Sonetto LIV. Un mondo me xe drio quasi ogni dì Edission e fonte ▼ Sonetto LVI. Za che a lèzzer, puttana, l'altra mia  →

Per far prova, mecanica plebea,
Se col mezzo del dirte villania
Te podesse drizzar a bona via,
Me ho lassà, co ti vedi, dalla mea.

E cantando in difesa de Medea,
Senza mai dirte un pello de busìa,
Te digo che ti xe marza scaìa,
Una porca, una sporca, un vis d'ebrea.

Una, che tegno sta conclusion:
Che 'l predicarte a ti la castità
Xe a dir a un ugonotto va al Perdon.

Una, che dal far nolli ha sì slargà
La potta e 'l bus del cul, che ho opinion
Che se ghe piantarave una città.

Una, tanto amorbà,
Che chi t'ha un zorno solo cognossua,
Xe forza che 'l se tiri l'altro in mua.

Ma no hastu una stua
Co tanti busi e tante cele dentro,
Che lozarave i fratti d'un convento?

Destrucion d'onguento,
Che la vuol esser ben gran speciarìa,
Che in do dì ti no l'habbi desfornìa.

Ma co una malatìa
Ti è bastante a far ricco un barbier,
Anzi de più, destrùzerghe el mestier.

Scagno da zavater,
Che quando ti no ha in pe' quei zocolazzi,
Le scarselle te tocca sui terrazzi.

Pelle da far butazzi,
Che, alla fè, ti retrazzi pi al curame,
Che no somegia la merda, el ledame.

Rezzina delle grame,
Incoronà de sabbo da mattina
Fra do colonne in cima una berlina.

Brutta vecchia Gabrina,
Che chi te vede co ti no è impiastrà,
Ti pari una vesiga desgionfà.

Vis de borsa ingrespà,
Che fra tutte le strazze de sta terra
Ti vien sempre mettùa cao de bandiera.

Puttana marzumera,
Che a voler dar recapito ai to mali
Bisognarave far nuovi hospidali.

Perché vinti Arsenali
Non ha tante maistranze che lavora
Quante ti infirmità che te devora.

Che no viva mezz'hora
Se no tremo in sto dirte villania
De piar qualche strana malatìa.

Spiuma fezza caìa,
Che a curar tutto el marzo che ti ha addosso
Bisognarave rassarte sul osso

Almanco un deo grosso,
E pur, che descovrendo le meòle,
No se ghe retrovasse dentro bolle.

Miserette cariole,
Poveretti stramazzi, grami letti,
O meschini coloro che ti infetti.

Bottega de diffetti,
Che no so, alla fè bona, se trovasse
Qualche matto spazzà che me mandasse,

Sempre che te chiavasse,
Quatro mille zichini el zorno drio,
Se volesse accettar nianca el partìo.

Ma son cusì insorìo,
Son tanto stuffo a razonar de ti,
Che me resolvo de no scriver pi.

Resta pur col mal dì,
E, puttana futtua, vivi segura,
Che vogiando vardar la to natura,

Ho buttà una figura
Che mostra, s'el pensier die' haver effetto,
La to fin su una stuora al Lazaretto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Per_far_prova,_mecanica_plebea&oldid=42636"