Za che a lèzzer, puttana, l'altra mia

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Za che a lèzzer, puttana, l'altra mia (Sonetto LVI)
XVI secolo
←  Sonetto LV. Per far prova, mecanica plebea Edission e fonte ▼ Sonetto LVII. Madonna, el se rasona assa' de vu  →

Za che a lèzzer, puttana, l'altra mia
T'ha parso de magnar una salata,
Te ho volesto mandar la replicata,
Perché ti no me venzi in cortesia.

Questa donca, mecanica, te sia
La tromba che te chiama a retirata,
E po s'ti nol farà, vecchia reffatta,
Senti quel che te annoncio: per la via,

Putti con torsi e pomi misiai,
Servitori e fachini col trar sassi,
Cridando in fina al cielo: Zola, dai!

Talché ti no porà far quatro passi
Che ti haverà d'ogni hora mille a lai
Che te cortezarà con detti arlassi.

Tien donca i occhi bassi,
Sta con le recchie attente a zò che digo,
E accetta sto partìo, che è d'amigo.

Per scapolar st'intrigo,
Sarra sù la bottega, e bello, bello,
Compra una careghetta e un molinello.

Fa dei soldi un livello
Con qualche spezier che sia contento,
Fin che ti sij varrìa de fuora e dentro,

Sustentarte d'onguento,
E de tutte le cose che bisogna,
Seben ghe intravegnisse onto da rogna.

E crédame carogna,
Che si no per sto mezzo quel pianetto
Che te cigna e manazza al Lazzaretto,

No puol mudar effetto,
Ma a sto muodo vedàndote varìa,
Bisognarà che 'l scambia fantasia,

Siché, lara fallìa,
Per sto primo consegio che te dago,
Ti porave lecar dove che cago.

Ma per far suso el spago,
Per ingemar a un le to caìe,
Vuoi cantar le to estreme ladrarìe,

Vuoi dir le strigherìe,
Che per buttar le fave e far incanti,
Ti metti a tutti quanti el pie davanti.

Maledetta dai Santi,
Nemiga delle messe e dei perdoni,
Amiga di ruffiani e di bertoni,

Sansuga da coioni,
Ruina de bancali e de sturuoli,
Fontana de panochie e de caruoli,

Doanna de pandoli,
Fòntego de posteme e porafighi,
Magazen pien de zòttoli e de intrighi,

Minera de calighi,
Letto da ponte, sponza da pettecchie,
Arnaso pien de flusso amorba secchie,

Mastello senza orecchie,
Tozza de mal francese, puttanazza,
Che te vegna una freve che te amazza,

Nave mandà alla mazza,
Fondachio de gianduse, marzumera,
Vergogna e vituperio de sta terra,

Cui senza tramezera,
Che, per quanto che intendo, l'è una salla
Che 'l marchesse ghe bàgola alla balla.

Lispia, fiappa e zalla,
Che se qualche barbier tolesse assonto
De volerte varir, ho fatto conto

Che ghe andarave in onto,
Lassando star le taste e i bollettini,
Mattina per mattina tre ciechini.

Reffugio de Bettini,
Lozamento de piatole e pedochi,
Che ti ha un carro de fango sui zenocchi.

Depenta a macchie i occhi,
Che chi te vede una xe in gran pensier
Se te sij donna, o pur lovo cervier.

Àlega, leamèr,
Che chi pestasse a un ogni to piaga,
(El) cavarave una nuova triaga.

Vis de Melissa maga,
Viso pi grando che no xe un taulazzo,
Viso che par el fondo d'un tinazzo,

Zeffo da dar solazzo
A grandi, a vecchi, a pìzzoli e mezzani,
Calamita che tira ai proprij danni,

Sansuga de malani,
Testa senza cavei, tempie pellae,
Fronte mal avalìo, zegie zontae,

Gràmole desdentae,
Bocca che rende un fià sì puzolente,
Che chi te stasse nome un credo arente

Roman a un filperdente,
Che fra la bocca e i pie ti puzzi tanto
Che xe un spasso e un solazzo un camposanto.

O viva per incanto,
Che chi te vede i puo(le) ben zurar
De veder una morta a caminar.

Ma perché vuoi rivar,
Perché vògio finir sto me disegno,
Che hora mai no ho testa de inzegno,

Fatti in qua, metto pegno
Che col spuzar da marza e da zerotto
Ti è sta causa che 'l tempo s'ha corrotto.

E zioghemo un sberlotto
Che s'ti va a star in villa quatro dì,
El tempo è conzo e che no piove pi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Za_che_a_lèzzer,_puttana,_l%27altra_mia&oldid=43155"