Un mondo me xe drio quasi ogni dì

Da Wikisource
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
EPUB   MOBI   PDF   RTF   TXT
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Un mondo me xe drio quasi ogni dì (Sonetto LIV)
XVI secolo

 Edission original:   

Maffio Venier. Canzoni e sonetti.
A cura di Attilio Carminati, Manlio Cortelazzo, Tiziana Agostini Nordio
Venezia, Corbo e Fiore, 1993

 Fonte:

http://www.bibliotecaitaliana.it/testo/bibit001236

←  Sonetto LIII. Mo se ti fussi un pochettin pi giotta Edission e fonte ▼ Sonetto LV. Per far prova, mecanica plebea  →

Un mondo me xe drio quasi ogni dì
A domandarme dove che vu stè,
Che 'l pararave a questo, per mia fè,
Che no ve cognossesse altri che mi.

Ghe xe sta referìo da no so chi
Quelle care carezze che vu fè,
Che mené el cul co una dolcezza, che
S'inamora de vu chi no puol pi.

M'è sta domandà aponto addesso, addesso,
Dove stè da un sbisao, da un certo bulo,
Ma non l'avrì, che perdaré con esso.

Vardeve pur da sti cazzi da mulo,
E saludé, benché vu sié gran messo,
A nome del mio cazzo el vostro culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Un_mondo_me_xe_drio_quasi_ogni_dì&oldid=43058"