Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/309

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


La Giustizia dei Preti è buzarona 171 
Laura cosa te par dell'Anzoletta 211 
La Mona xe bona 215 
La xe opinion de quel famoso Frate 218 
L'è stada in fatti ispirazion divina 222 
L'altro zorno al Caffè da certi Preti 226 
L'Eresia dei Quietisti a mi me par 256 
M
Mi credo, che sìa stà la Teologia 20 
Morir voggio anca mi zà, che m'è morto 133 
M'arrecordo el mio Cazzo poveretto 136 
Mi adoro el Sol, perchè mi trovo in quello 263 
N
No voggio scriver più cogionarìe 
No voi scriver più sonetti 
No corre dir, che quella 22 
Nù semo nati tutti alla ventura 35 
Nemighe dei Omeni 58 
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/309&oldid=64868"