Ohimè! Com'è possibil che se faga

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Ohimè! Com'è possibil che se faga (Sonetto LX)
XVI secolo
←  Sonetto LIX. Fradei, de quante donne ho mai sentùe Edission e fonte ▼ Sonetto LXI. Haver un par(e) che non crepa mai  →

Ohimè! Com'è possibil che se faga
Feste, imprese, livree, tornei diversi,
Tante pompe, tant'armi e tanti versi
Per una donna che se sa che caga?

Bella schiera d'amanti accorta e vaga,
Drio d'una scagazzera afflitti e persi,
Deh! pensé fra le borie ove sè immersi
Che 'l vostro chiaro sol porta la braga,

Che la dea che adoré faza la cacca,
Pensé con quanto affanno ve consuma
Che la sappia cagar come una vacca.

Caro premio d'amor veder, in suma,
Dopo una vita dolorosa e stracca,
In aspetto divin stronzi che fuma.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Ohimè!_Com%27è_possibil_che_se_faga&oldid=42600"