Haver un par(e) che non crepa mai

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Haver un par(e) che non crepa mai (Sonetto LXI)
XVI secolo
←  Sonetto LX. Ohimè! Com'è possibil che se faga Edission e fonte ▼ Sonetto LXII. Quel che par senza cassa un orinal  →

Haver un par(e) che non crepa mai,
Esser inamorà senza un quatrin,
Comandar a poltroni in cremesin,
E pregar d'un favor certi ostinai,

Andar el dì con vani inamorai,
Bever acqua de legno in pè de vin,
Sentir pianzer in cuna un fantolin
All'hora che s'è quasi indromenzai,

Dormir in mezo a un musico e a un poeta
Che un canta sempre e l'altro sia de vena
De far in letto qualche barzeletta,

Esser intrategnù co se va a cena,
Che un pùlese co ti è sotto la pieta
Te fazza un passemezzo su la schiena,

Haver la panza piena
E un zipon che sia stretto in la cintura,
Far sempre ben e no haver paura,

Haver industria e cura
Per veder de non far un qualche error,
E co ti ha ben pensà farlo mazor,

Zanzar co s'ha l'humor,
Parlar con chi ti credi che t'ascolta
E haver da repplicar un'altra volta,

Che la borsa sia tolta
Dove xe forestier lontan da casa,
Haver appresso un che te despiasa

E che mai mai no 'l tasa,
Imbattersi a rivar a una osteria
Che si trova desasio e carestia,

Che un qualc'un da drio via
Te scalcagna una scarpa mutezando:
Perdonéme, l'ho fatto no voiando,

Andar de notte quando
Ghè un mar de fango e che se stua la luse,
Far mal e no haver scuse,

Co' s'è instizai vegnir in su 'l più bello
Urtai da qua e da là da questo e quello,
Véderse c'un fradello

Habbia dal pare tutto quel che 'l vuol
E che ti stij cazzà su l'arco al sol,
Haver un pontariol

Senza ponta e voler sbusar in duro,
Haver persa e cercar qualcosa al scuro
E dar de 'l cao in te 'l muro,

Che vegna un poveretto sì ustinà
Che voia el to per importunità
E no per carità,

Trovar dei groppi co si vuol cagar
Che se staga do hore a dezolar,
Imbaterse a trovar

Certe razze importune de poeti
Che vuol mai sempre recitar sonetti,
Trovarse dei busetti

Quasi sempre in calcagno a una calzetta,
Che vegna alla finestra una scarpetta,
E star senza beretta

Davanti un'hora a un che no sia uso
E che 'l no diga mai: Métila suso,
Co' t'ha 'l boccon al muso

Che 'l casca zoso in te l'avrir la bocca,
Sentir ch'un parla quando no ghe tocca,
Urtar in qualche brocca

E far un squarzo al saio d'una spana,
Che te vegna un sangiozzo che te scana,
Sentir una campana

Co ti ha qualche pensier che te molesta
Ch'un'hora intriega te sone in la testa,
Mostrar per manifesta

Ch'è sol una rason a tal persona
Che ne voia affermar che la sia buona,
Far l'amor co una donna

Che co' te pensi farghe inanzi el morto
A malapena la se n'habbia accorto,
Che te vegna dà torto

Co' ti ha mille rason dalla to banda,
Che chi no ha descretion ti comanda,
Co' piase una vivanda

Che la sia prima a esser levà davanti,
Desputar co loquazi e co pedanti,
Sentir certi ignoranti

Che aspetta a consegiar come se fa
Quando che la desgratia è za passà,
Co' ti xe inamorà,

Cascar in terra inanzi alla signora
E che soramercà la rida un'hora,
Sentir un che descorra

De quel che ti t'imbati a no saver
Che daspuò 'l te domanda 'l tuo parer,
Voler e no poder

Parlar co un e no l'haver aviso
Che parlando el te spua d'ogn'hora in viso,
Che 'l scampa fuor un riso

Quando s'è in qualche luogo da respetto,
Haver do millia sorzi sopra 'l letto,
Scontrar un cailetto,

E co' ti vuol voltar qualche canton
Scontrarte in t'uno e darti un buon urton,
Petarte un mostazzon

Che le man su 'l mostazzo sì ti stampa
Per chiapar una mosca che te scampa,
Che se smorza la vampa

D'un stizzo e che quel fumo co ti è al fuogo
Vegna a ponto a trovarte in tel to liogo,
Ch'un che sta sora 'l ziogo

Quando ti perdi staga a rasonar,
Morsegarse la lengua a mastegar
E se vorrìa magnar,

Far cerimonie in te 'l sentar a tola,
Un bocon ingiotir che scotta in gola,
Che ti tiol la parola,

Urtar d'ogn'hora dove che ti ha mal,
Haver da far el dì de Carneval,
Haver un caramal

Co' s'ha pressa da scriver che d'ogn'hora
La pena cava de i filazzi fuora,
Levarse sù a bon'hora

Che no havemo al mondo altro de bon
Che star zò la mattina da poltron,
Trovar falà un botton

Co' s'ha zulà 'l zippon infin in cao
E tornarse a zolar po' da recao,
Co ti xe accompagnao

Co' un aloco che fa qualche bel tratto,
Portar la pena ti perché l'ha fatto,
Se porìa tior de patto

Tutte quante ste cose e mille arente
Tutto prima si puol metter per niente,
Che dar in certa zente,

Co ti vuol esser solo per la via,
Che vuol per forza farti compagnia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Haver_un_par(e)_che_non_crepa_mai&oldid=41797"