Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/162

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VENERE, E ADONE


CANZONE


Nell'Isola di Baffo
    Abitava la Dea Madre d'Amor,
    Quando in t'un delizioso
    Zardin col so moroso
    5Buttada sull'erbetta
    La ghe cantava un dì sta canzonetta.

Se no fusse el sugo amabile
    Del to Cazzo, Adon mio caro,
    La mia Mona, che xe fragile
    10Proverave un stato amaro.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/162&oldid=60311"