Mo se mi voio andar da na ruffiana

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Mo se mi voio andar da na ruffiana (Venieresca XXVI)
XVI secolo
←  Venieresca XXV. Mi vedo che volé che ve n'incaga Edission e fonte ▼ Venieresca XXVII. Te possa vegnir tante maroelle  →

Mo se mi voio andar da na ruffiana
Chiavo chi me vien voia su 'l mio letto,
Stago desteso là senza despetto,
Senza doia amorosa che me scana,

E 'l vero fotter sia fotter putana.
Là trovo le carezze e 'l fotter netto,
Là sento un basar dolce, un menar stretto,
Una bocca de miel, un cul de mana.

Là posso, co' me piase, strapazzarla
E darghe anche daspuò na ramancina,
Mo' quanto si è de mal si xe pagarla.

No ghè altro che me ponza che sta spina,
Che no ho alora dolcezza che chiavarla,
No ghè altro che 'l pagar che mi rovina.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Mo_se_mi_voio_andar_da_na_ruffiana&oldid=42460"