Lettera a Madonna (Questa è la quarta Letera che scrivo)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Lettera a Madonna
XVI secolo
Edission e fonte ▼
[p. 56 modifica]
LETTERA A MADONNA


Questa è la quarta Letera che scrivo
     Despuò che son sortìo da la Laguna,
     Nè so se infermo o san, se morto o vivo;
E vu, freda e crudel più de la Luna,
     No respendè a le mie, no tegnì conto,
     Ma fe ziogo del tempo e de fortuna.
Gavè rason, me cognossè ben onto
     Del vostro amor, e se' resolta forsi
     De volerme sta volta far el conto.
Pazienza! la stà a vu; certo che i orsi
     Averìa del mio mal misericordia,
     Nè vorià morsegarme i cani Corsi.
No son, come credè, forsi a Concordia,
     Ma in la bela Cità deta Vicenza
     Dove no gh'è altro mal che la discordia;
Mi son senza danari e pase, e senza
     Chi vogia aver pensier del mio gran mal.
     Senza vin in la bote e pan in crenza.
Certo sta megio quei del'Ospeal,
     Che almanco ghe va el miedego ogni zorno
     A vardarghe in la sechia e l'orinal.

[p. 57 modifica]

E mi, lontan dal vostro viso adorno;
     No trovo chi remedia a tanto ardor!
     Paro a ponto la cenere del forno.
El mio mal xe ficà drento del cuor,
     Nè 'l poi conosser altri mai che vu,
     Causa eficiente del so gran brasur!
Oh Dio, no xe, no sarà mai, no fu
     Tanto mal co xe 'l mio, nè altra belezza
     Che vaga co la vostra tanto in su;
Sicome no ghe xe tanta fierezsa
     In quante tigre manda l'Oriente,
     Nè in altro, co xe in mi, tanta fermezza.
Quando che me trovava esserve arente
     Pareva pur che avessi compassion,
     E che tegnissi conto de la zente;
Adesso che ve prego in zenochion
     Che me mandè do righe a destuar
     El fogo che me brustola el polmone
Vu fe' la gonza, e si ve fe' pregar,
     Fe' vista no aver rechie e non intender
     De un meschìn confinà l'alto criar!
Ma chi no à bezzi no ghe ne pol spender,
     E chi no sa che cossa è cortesia:
     No la sa usar e no la sa comprender.
Ghe ne xe de sta vostra fantasia
     De l'altre, e se le à refudà un par mio
     Par un vilan le s'à po' trato via.

[p. 58 modifica]

Vardè, che se sol dir che no è finio
     El zorno se no a sera; e i nostri fati
     No se dise sul viso, ma da drio.
Vien notai da sto mondo i nostri ati,
     E co pensemo d'esser Salomoni
     E d'aver fato sempre dei bei trati,
Restèmo svergognai come minchioni,
     Che quel che se pensava esser coverte
     Lo sa po' fin i coghi e i sbrodegoni.
Ma vòi lassar da parte sto concerto,
     Che no vorave che 'l me discordasse
     Tolendome el seguro per l'incerto.
Me voleu a un, lidissime ganasse?
     De la Dea che me priega e che me sgrafa
     Chi gh'è che a quel color no s'inganasse?
Chi poderàve star in sela o in stafa,
     Tegnir i pie ai colpi de quei echi?
     No se resisterìa su una zirafa!
Mi casco sempre, e se ghe n'è de tochi
     Dai colpi de quei ochi i è cussì ofesi
     Che no i pol caminar se no in zenochi.
Ochi cari, amorosi, ò per vu spesi
     Tanti passi al mio tempo e trato via,
     Per contentarve, setimane e mesi!
Che se bon per disgrazia mo son, via
     No doveressi tiorme a mi i favori
     Donando ai altri quel ch'è parte mia;

[p. 59 modifica]

Soporterò, lagrimeró i me' amori,
     E canterò la mia disaventura
     Fin che vorà che pianga i me' mazori.
Ma se sta ingrata, se sta sorte dura
     Se mua mai de camisa, oh fazzo viso
     Che se possa chiamar bona ventura!
Me vedarè sborìr a l'improviso
     Dal liogo dove son sta bandizà
     Contra giustizia, e con ben poco aviso;
E d'un Tartaro o un Turco più istizzà
     Farò veder al mondo che anca mi
     Ò al naso la mostarda e in panza el fià;
E a quei che adesso ride farò sì
     Che 'l ghe corerà zoso per la gola,
     Che 'l no ghe tornerà suso mai pì.
Ma perchè ancora me retrovo a scuola
     D'Amor, no vòi bravar, ma in penitenza
     Tior ogni desfavor, ogni parola,
Perchè se aquista assae co la pazienza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Lettera_a_Madonna_(Questa_è_la_quarta_Letera_che_scrivo)&oldid=67867"